L’arte al tempo del terrore all’Imperial War Museum
#Exhibitions

Che cosa ha lasciato la guerra negli occhi, tra i pennelli, nelle sculture degli artisti e in che modo i tragici eventi dell’11 settembre del 2001 hanno gettato il loro funesto drappo sull’arte? La risposta è racchiusa nelle 50 opere, molte esposte per la prima volta - tra sculture, installazioni, filmati, fotografie - degli oltre 40 artisti ospitati all’Imperial War Museum in occasione della mostra Age of Terror: Art since 9/11. Da Ai Weiwei a Grayson Perry, da Mona Hatoum ad Alfredo Jaar, l’arte contemporanea indaga la risposta globale a quell’attacco che ha inferto un doloroso colpo al cuore della cultura occidentale. Ed ecco che la natura della guerra e il continuo stato di emergenza cui il mondo è sottoposto diventano temi cari agli artisti contemporanei che assumono un ruolo cruciale nella rappresentazione del conflitto attuale. Il percorso espositivo diventa pertanto un viaggio inedito, originale, che segue quattro temi chiave: le risposte immediate degli artisti all’attacco dell’11 settembre, i provvedimenti che riguardano la sicurezza, il nostro rapporto con le armi da fuoco, i droni, le bombe, e le ripercussioni che i conflitti hanno sul paesaggio, sull’architettura, sulle persone. Tra le opere da non perdere, The Twin Towers dell’artista cileno Iván Navarro (2011), una serie di installazioni al neon che creano l’illusione di uno spazio concavo, infinito e che saranno esposte nel Regno Unito per la prima volta.
Samantha De Martin - © 2017 ARTE.it per Bvlgari Hotel London