Prix Pictet: i finalisti al Victoria and Albert Museum
#Exhibitions

Gommoni fragili, zattere cariche di donne e di bambini in rotta verso la “Terra Promessa” con la vita incapsulata negli zaini, barricate che diventano frontiere, costruite con barili, piastrelle sacchi di sabbia, e ancora una casa di quaranta metri quadrati in cui la vita si svolge intorno a un letto, mappe di calore che intercettano i campi dei rifugiati attraverso una telecamera termografica, territori indefiniti oggetto di contese. Sono solo alcuni degli scatti selezionati per raccontare, al Victoria and Albert Museum, lo Spazio, tema della settima edizione del Prix Pictet, il premio internazionale della fotografia per la sostenibilità ambientale, che sfrutta lo straordinario potere dell'immagine per attirare l'attenzione globale sui temi legati all'ambiente. Dodici fotografi - tra i quali Beate Gütschow, Benny Lam, Richard Mosse, Munem Wasif, Sergey Ponomarev, Pavel Wolberg - espongono i loro lavori nella Porter Gallery. Tra loro ci sarà anche il vincitore del premio fotografico istituito nel 2008, che verrà annunciato ai primi di maggio dalla giuria del premio.
Samantha De Martin - © 2017 ARTE.it per Bulgari Hotel London