Theatre of the Natural World: Mark Dion alla Whitechapel
#Art

Per raccontare la meraviglia e la straordinaria fragilità della vita sulla Terra, Mark Dion ha attraversato discariche e foreste pluviali, imprimendo in sculture, disegni e installazioni tutto il mistero degli ambienti esplorati. La Whitechapel Gallery condivide questo viaggio dell’artista concettuale americano invitando il visitatore ad immergersi nella sequenza di installazioni realizzate dal 2000 a oggi. Tra queste, un’opera speciale, realizzata appositamente per Londra. Scheletri di animali e oggetti obsoleti che popolano i diversi habitat, ciascuno dei quali rappresenta un ambiente immersivo da dove sbucano personaggi che osservano, conservano o sfruttano il mondo naturale, sono le tracce di cui l’artista si serve. Esploratore, scienziato, curatore museale, archeologo, Dion, che si avvicina all’arte mentre segue un’inchiesta scientifica, presenta i disegni e le sculture che attingono dalle indagini e dai racconti di storia naturale, sollevando questioni riguardanti l’ambiente e la natura. Tra manufatti, reperti storici, fotografie, l’artista pone il visitatore di fronte a interessanti tematiche del nostro tempo.
Samantha De Martin - © 2018 ARTE.it per Bvlgari Hotel London