Pionieri della libertà. Una mostra racconta lo Stars Group

Pionieri della libertà. Una mostra racconta lo Stars Group
#Art

Una grande pagina di avanguardia torna alla ribalta all’OCAT Institute. Siamo alla fine degli anni Settanta e negli ambienti dell’arte cinese soffia il vento della libertà. Un gruppo di giovani artisti, per lo più autodidatti, chiede di esporre al Museo Nazionale di Pechino. Il rifiuto delle istituzioni è perentorio: le opere proposte sono nuove e sperimentali, quanto di più distante dal realismo socialista propugnato dal regime. La mostra sarà allestita nel parco adiacente al museo e, nonostante l’intervento repressivo delle autorità, resterà un evento memorabile: la First Stars Exhibition. Tra i suoi artefici ci sono Ai Weiwei, Huang Rui, Ma Dasheng, Li Shuang, lo scultore Wang Keping, la pittrice Shao Fei, tutti insieme nello Stars Group fino al 1983. A quarant’anni dalla prima esposizione, un imponente progetto ricostruisce per la prima volta vicende e retroscena di una delle più rilevanti esperienze d’avanguardia dell’arte cinese. In un percorso approfondito e ricco di curiosità, oltre 150 documenti da poco disponibili - rare fotografie, video, pubblicazioni - restituiscono il clima di innovazione, la ricerca di un’espressione individuale, le idee controcorrente sulla cultura e sulla società che scossero l’establishment artistico della Repubblica Popolare con dimostrazioni dalla carica esplosiva.
Francesca Grego - © 2020 ARTE.it per Bulgari Hotel Beijing