Tempo, arte e storia nelle opere di Samira Abbassy e Imran Channa

Tempo, arte e storia nelle opere di Samira Abbassy e Imran Channa
#Exhibitions

Il Badshahnama è il "libro dei re", un testo splendidamente illustrato che racconta la storia del periodo Moghul (XVII sec.) nell’antica Persia, uno strumento di propaganda ma anche un importante documento di un’epoca passata. L’idea da cui parte l’artista pakistano Imran Channa, è quella di selezionare parti di questa opera storica e di ricontestualizzarle per dare loro un nuovo significato. Attraverso l’ingrandimento di frammenti tratti dal testo e grazie allo spostamento, alla cancellazione o all’inserimento di elementi, crea una diversa narrazione. Channa diventa demolitore di qualcosa che esisteva prima di lui e al tempo stesso creatore di qualcosa di nuovo, mettendo in dialogo passato e presente. Una riflessione analoga sul rapporto tra arte e storia è quella che percorre l’opera dell’artista iraniana Samira Abbassy, esposta in contemporanea alla XVA Gallery di Dubai. Il suo precorso però è diverso, la Abbassy interpreta il tema dell’attraversamento delle acque, partendo da una drammatica urgenza offerta dal presente: la fuga dei profughi siriani dalla guerra. Durante il processo creativo, procedendo a ritroso la Abbassy approda ad una dimensione archetipica del viaggio attraverso le acque, che diventa anche immersione nell’inconscio.
Alessandra Migliorini - © 2019 ARTE.it per Bulgari Hotel Dubai