Gerhard Richter alla Gagosian

Gerhard Richter alla Gagosian
#Exhibitions

Quanti visitatori passano giornalmente davanti a un luogo specifico? Il pittore tedesco Gerhard Richter ha provato a raccontare questo flusso servendosi dei diversi colori della pittura, utilizzando gli schermi bianchi per indicare poche persone all’interno di una galleria, e i colori brillanti e audaci a rappresentarne l’aumento. I lavori di Museum Visit - la più grande serie di foto-dipinti di Richter comprendenti oltre duecento immagini individuali - sono parte della mostra Gerhard Richter. Overpainted Photographs, ospitata alla Gagosian Gallery. In altre serie, come Urban Landscapes, Rural Landscapes e Firenze, Richter ha rivelato dettagli specifici di vedute naturali e strade cittadine, come le tre fotografie scattate sulle rive del Fiume Arno a Firenze. Nel corso della sua lunga ed eminente carriera, Richter ha ampliato il potenziale della creazione di immagini attraverso un dialogo tra vecchi e nuovi media. Ha iniziato a dipingere fotografie a metà degli anni Ottanta, proprio nel momento in cui gli artisti neo-concettuali di New York erano coinvolti in questioni di immagine, e i neo-espressionisti tedeschi si concentravano piuttosto sull'emotività pura della pittura. Richter ha continuato a collegare queste due linee di indagine ai giorni nostri, sondando le loro tensioni mentre le tecnologie fotografiche diventano sempre più pervasive. A differenza dei suoi ritratti fotografici degli anni Sessanta, i lavori di questa mostra mantengono il loro status di fotografie stampate, realizzate con la luce piuttosto che con la mano dell'artista. Risentono dell’applicazione della pittura, che fonde la riproduzione fotografica con la materialità astratta.
Samantha De Martin - © 2019 ARTE.it per Bulgari Hotel London