Picasso e la carta alla Royal Academy of Arts

Picasso e la carta alla Royal Academy of Arts
#Exhibitions

Da quella dei giornali e dei tovaglioli, fino a quella decorativa, strappata, bruciata, resa tridimensionale, ma soprattutto cercata e acquistata persino in Giappone, la carta ha rappresentato per Picasso uno strumento indispensabile per esplorare le proprie idee. Dal 25 gennaio una mostra alla Royal Academy of Arts ripercorre l’impiego di questo materiale da parte dell'artista, attraverso 300 opere, tra disegni espressivi, sculture imponenti, fino al colossale collage di oltre quattro metri di lunghezza, Femmes à leur toilette e uno studio per Les Demoiselles d'Avignon. Il processo creativo del Maestro è illustrato con un film documentario, ma anche attraverso gli studi per Guernica e i quaderni di schizzi che racchiudono il seme dei suoi capolavori rivoluzionari. Lettere, poesie illustrate, collaborazioni fotografiche con Dora Maar offrono interessanti scorci sulla vita dell'artista, mentre le opere di carta sono contestualizzate grazie ad un numero selezionato di dipinti e sculture strettamente correlati. Come il grande capolavoro del periodo blu di Picasso, La Vie, che è esposto accanto a disegni preparatori e ad altre opere su carta che esplorano il tema della povertà, della disperazione, dell’alienazione sociale. La mostra è organizzata dalla Royal Academy of Arts di Londra e dal Cleveland Museum of Art in collaborazione con il Musée National Picasso-Parigi.
Samantha De Martin - © 2020 ARTE.it per Bulgari Hotel London