Le lumache di Monster Chetwynd accendono il Natale della Tate

Le lumache di Monster Chetwynd accendono il Natale della Tate
#Art

Due gigantesche lumache dal manto leopardato, illuminate da centinaia di lucine bianche e blu, si allungano orgogliose verso il cielo davanti all’ingresso della Tate Britain. È il progetto dell’artista Monster Chetwynd, scelto quest’anno dal museo inglese per le tradizionali decorazioni di Natale, diventate un appuntamento annuale per turisti e londinesi, curiosi di conoscere l’artista designato a immaginare l’installazione per le feste. Per il suo intervento, Monster Chetwynd ha tratto ispirazione da un documentario sulla natura di David Attenborough, dal titolo Life in the Undergrowth, incentrato sui rituali di accoppiamento delle lumache leopardate. Per riprodursi, una lumaca produce una bava particolare che attrae il partner. Nell’oscurità i due animali si dirigono verso un albero, dal cui ramo penzolano intrecciate a mezz’aria, sostenute da un particolare filamento di un colore blu acceso. Attraverso le sue lumache ultraterrene, assorte nei loro ipnotici rituali di accoppiamento, Chetwynd ci ricorda che anche l'oscurità dell'inverno può assurgere a momento di rinnovamento e rinascita. Con la loro irriverenza sconcertante questi piccoli esseri viventi dimostrano come anche le creature apparentemente repulsive possono essere trasformate in qualcosa di meraviglioso.
Samantha De Martin - © 2018 ARTE.it per Bulgari Hotel London