L’inconscio su carta di Gerhard Richter

L’inconscio su carta di Gerhard Richter
#Exhibitions

Gerhard Richter, Leone d'Oro della 47ª Biennale di Venezia e uno degli artisti contemporanei più influenti al mondo, torna a Londra a dieci anni dalla grande esposizione alla Tate, con una interessante mostra alla Hayward Gallery dedicata al disegno su carta. Il nuovo appuntamento londinese è l’occasione per approfondire uno dei tratti creativi più rilevanti nella produzione artistica di Richter con oltre 60 opere realizzate tra il 1999 e il 2021. Una serie di opere pittoriche realizzate con inchiostri colorati, dove la fluidità e l'imprevedibilità delle pozze di inchiostro - in alcuni casi che arrivano fino ai bordi della carta - sono controbilanciate e ancorate da strutture di linee grafiche e contrastanti forme organiche di astrazione. L’inchiostro ha svolto un ruolo importante nello sviluppo dell'arte di Richter nei suoi 60 anni di attività, sin dai suoi primi lavori con i monotipi Elbe del 1957. La mostra approfondisce anche altre forme di sperimentazione come una serie di fotografie dipinte, in cui le istantanee sono oscurate da strati di vernice. Richter ha iniziato a dipingere su fotografie a metà degli anni '80, creando opere ibride che combinano la materialità astratta della pittura alla superficie liscia delle riproduzioni fotografiche.
Paolo Mastazza - © 2021 ARTE.it per Bulgari Hotel London