Agli Arcimboldi va in scena la Street Art

Agli Arcimboldi va in scena la Street Art
#Art

Il foyer del Teatro degli Arcimboldi cambia veste e si trasforma nella casa dei Graffiti Writer, per un viaggio tra i protagonisti nazionali e internazionali della Street Art, da Bansky a Blu, da Phase 2 a Serena Maisto. Amata o demonizzata, poetica o spietatamente tranchant, la Street Art viaggia tra i muri delle case, sui treni rottamati, per scivolare sulle serrande delle città al ritmo di un’attualità sferzante. A tesserne la storia e a raccontarne i protagonisti attraverso un centinaio di opere, è la mostra UNKNOWN - Street Art Exibition che, per la sua prima volta in Italia, sceglie il Teatro degli Arcimboldi. Protagonista indiscusso della mostra è Banksy, a partire dall’iconica Girl with Balloon, la celebre bambina con capelli al vento che perde dalla mano un palloncino a forma di cuore, ad evocare la fragilità e l’effimero trascorrere dei sentimenti e degli umani affetti. I topi graffitari, portatori di messaggi d’amore e di pace, incontrano gli scimpanzé, mentre in Rage, Flower Thrower riconosciamo il celebre personaggio dal volto parzialmente coperto intento a lanciare un mazzo di fiori al posto di una granata. Tra i diciotto pezzi di BLU - altro artista “unknow”, che si dice viva in un camper nella periferia romana - riconosciamo invece il pennarello su carta Fish ‘n Trips, la stampa Headquarters e il murales realizzato sulla facciata Nord del Teatro Nazionale di Bretagna. Tra i talenti dell’arte di strada riconosciamo anche Phase 2, Delta 2, BenEine, 3D, Bordalo II, l’artista portoghese che utilizza i rifiuti per dar vita agli animali, vittime talvolta del nostro inquinamento. A concedere al percorso un tocco “rosa” saranno l’americana Swoon, la sudafricana Faith 47 e la svizzera Serena Maisto (IMAGO Art Gallery).
Samantha De Martin - © 2020 ARTE.it per Bulgari Hotel Milano