Ai Chiostri di Sant’Eustorgio i Fiori di Stefano Arienti

Ai Chiostri di Sant’Eustorgio i Fiori di Stefano Arienti
#Exhibitions

Tra i più antichi complessi monumentali di Milano, i Chiostri di Sant’Eustorgio non rinunciano ai fermenti più attuali: tra le pietre dell’epoca di Sant’Ambrogio e le preziose opere del Museo Diocesano, la storia si fa viva grazie al confronto con i protagonisti del presente. A dialogare con testimonianze plurisecolari questa primavera è l’opera dell’artista lombardo Stefano Arienti, che ha fatto parlare di sé al MAXXI di Roma come al Museo Reina Sofia di Madrid, all’Isabella Stewart Museum di Boston, all’ICA di Londra e alla Power Station of Art di Shanghai. Il lavoro di Arienti prende il via da materiali preesistenti - si tratti di tesori del passato o di cultura popolare - per riflettere creativamente su temi attualissimi come il ruolo e l’originalità dell’immagine. Cuore del progetto milanese è il commento dell’artista alla grande pala del Compianto sul Cristo morto di Altobello da Melone, eccezionalmente esposta al Museo Diocesano dopo un importante restauro. Ma ciascuno degli ambienti del complesso schiude una tappa del suggestivo itinerario. Al Cimitero Paleocristiano, per esempio, fiori dipinti a tempera evocano le vicende dei martiri e il culto dei morti, mentre nella Sagrestia Monumentale di Sant’Eustorgio l’artista reinterpreta su fondi oro gli Iris e i Girasoli di Van Gogh, istituendo un parallelo tra la natura morta e il genere devozionale dell’icona. “Dagli anni Ottanta Stefano Arienti propone un modo di concepire l’opera come continuo commento al vivere corrente, in cui l’umanità e i suoi riti entrano come parte di una più vasta dinamica naturale, onnicomprensiva e portatrice di meraviglia” spiega la curatrice Angela Vettese: “Arienti è partito come studioso di botanica ed è rimasto appassionato di ogni genere di classificazione, sempre impegnato in un’archeologia del quotidiano che fa, della nostra specie, solo una delle tante presenze nel cosmo”.
Francesca Grego - © 2019 ARTE.it per Bulgari Hotel Milano