Alla M77 Gallery la storia secondo Braco Dimitrijević

Alla M77 Gallery la storia secondo Braco Dimitrijević
#Art

Due barche con le vele che ritraggono i volti di intellettuali e artisti, da Tesla a Modigliani e Malevič, accolgono i visitatori della M77 Gallery. Si tratta di protagonisti accomunati da vicende critiche alternanti, che hanno visto la propria fama riconosciuta solo molti anni dopo aver prodotto le loro geniali opere. Alcuni volti di famosi compositori si presentano al pubblico “sfregiati” da picconi che rompono la superficie del vetro per rimanere incastonati nell’opera insieme ad un peperoncino rosso che evoca un rivolo di sangue. L’intera ricerca artistica del bosniaco Braco Dimitrijević - con alcuni temi cari all’artista, quali la continua commistione tra natura e artificio, il ricorrere a personaggi della storia da onorare, o stigmatizzare, esprimendo in questo modo giudizi etici ed estetici sulla cultura e sull’arte - si racconta lungo i due piani della M77 Gallery. Un artista “arrangiatore”, una situazione iniziale con un pubblico co-autore e un risultato imprevedibile. Sono questi i temi del percorso dedicato a Dimitrijević e che include anche una selezione di installazioni che creano incontri stranianti tra animali selvatici e opere d’arte. La ricerca di Braco Dimitrijević parte da una posizione critica nei confronti della storia, con il concetto di “post-storia” definita come “coesistenza di concetti e modelli differenti, pluralismo della verità e tempo di una visione multi-angolare”.
Samantha De Martin - © 2019 ARTE.it per Bulgari Hotel Milano