“Face au Soleil”, le Musée Marmottan celebra il suo fiore all’occhiello

“Face au Soleil”, le Musée Marmottan celebra il suo fiore all’occhiello
#Exhibitions

Il 13 novembre 1872 Claude Monet dalla finestra del suo hotel a Le Havre osservava il porto all’alba, avvolto da una nebbia impalpabile, immortalando sulla tela una delle scene destinate a rimanere celebri nella storia dell'arte. Esposta due anni dopo con il titolo Impressione, levar del sole, l’opera oggi è il fiore all’occhiello del Musée Marmottan Monet. A questa si attribuisce l’origine stessa del Movimento Impressionista, il cui nome è legato ad un’affermazione del critico Louis Leroy a proposito del quadro di Monet. Nel 2022 il Museo Marmottan celebra i 150 anni del fiore all'occhiello delle sue collezioni attraverso la mostra Face au Soleil. Un astre dans les arts. Per festeggiare l’anniversario di Impressione, levar del sole, l’esposizione chiamerà a raccolta diversi artisti, da Albrecht Dürer a Luca Giordano, da William Turner a Gustave Courbet, da Camille Pissarro a Paul Signac. Cento capolavori, in prestito da oltre 50 istituzioni nazionali e internazionali ripercorreranno la storia e l’evoluzione della rappresentazione del sole nelle arti, dall'antichità ai giorni nostri. Dalle prime raffigurazioni del sole, simile ad una sfera rossa, da parte degli egizi, si passa a Helios, e ancora al dio sole nell'antica Roma. Preziose luminarie lasciano spazio alle carte dei tarocchi, a dipinti medievali e rinascimentali dove gli spettatori entrano in contatto con le differenti e alternative evoluzioni del sole. L’opera di Monet - che mostra in primo piano tre piccole imbarcazioni che, con placidi remeggi, solcano le acque portuali, mentre il disco rossastro si fa lentamente strada nel cielo emettendo raggi aranciati che si riverberano guizzanti sullo specchio d’acqua, inondando il paesaggio - sarà affiancata da una rara serie di disegni, dipinti, fotografie e strumenti di misura dell'Osservatorio di Parigi che illustreranno gli sviluppi dell'astronomia nel corso dei secoli mettendo in luce l'evoluzione della pittura di paesaggio e d'atmosfera.
Samantha De Martin - © 2022 ARTE.it per Bulgari Hotel Paris